Gin BUGIN e salumi al gin

Dal Piemonte, il primo gin botanicamente creato per gli abbinamenti con salumi e tagli di carne

Il nome BUGIN deriva dalla parola "bocin" che, in piemontese, significa "vitello". 

È un distillato ricavato da nove botaniche: Ginepro, Genepy, Arquebuse, Artemisia, Timo, Achillea Millefoglie, Angelica, Tanaceto e Zedoaria, tutte raccolte sulle colline e sulle Alpi piemontesi.

BUGIN_09.jpg
BUGIN_06_Mauro_Schiavo.jpg

Prima l'idea, poi lo studio

Mauro Schiavo, barman e macellaio, inizia a sperimentare serate a tema con tagli pregiati di vitella Fassona abbinati al gin tonic.

La location è TASTA, la sua bottega artigianale di San Mauro Torinese, a pochi passi da Torino. Di giorno è una macelleria di eccellenza. Di sera, la cucina si apre e si possono assaporare i tagli di carne e i nuovi abbinamenti.

Prima arriva il desiderio di offrire ai propri clienti un'esperienza speciale con un distillato creato apposta per gli abbinamenti con i tagli di carne.

Poi iniziano gli anni di tentativi e di studio delle botaniche per raggiungere il profumo e l'aroma desiderati.

Distillazione

Il BUGIN (45% vol) è un compound gin.

Alcune botaniche sono distillate singolarmente con il metodo a caldo in alambicco bagnomaria. Vengono poi aggiunti al prodotto finito alcuni estratti decolorati. 

Uno di questi lo si ricava dal fiore della pianta alpina di Genepy per dare, al distillato, una nota floreale e non invasiva.

La miscela riposa per un mese in vasche d'acciaio inox e, alla fine, avviene la filtrazione e l'imbottigliatura.

Intenso all'olfatto, secco al palato, appena fruttato.

Balsamico e aromatico.

La nota più persistente è quella del timo.

BUGIN_10.jpg
BUGIN_03.jpg

Il ponte tra food e mixology

Il BUGIN dà il meglio di sé nel food pairing. Grazie alle sue erbe di solito utilizzate poco in cucina, il BUGIN risulta complementare ai gusti della carne. 

Impiegato durante la cottura, rende unici i piatti di carne come l'arrosto o la tagliata. In cucina, è ideale sia per la marinatura che per le cotture.

Usato nella miscelazione dei cocktail, il BUGIN è un gin versatile.

Lo consigliamo, ad esempio, in un gin tonic classico con una tonica semplice o aromatizzata con timo e rosmarino.

Lo proponiamo in diversi tipi di box degustazione e di astucci che richiamano, con eleganza, un simbolo della città di Torino come la Mole Antonelliana.

I salumi al gin

Ognuno dei salumi BUGIN, ideati nel laboratorio di Tasta, richiede una lavorazione diversa.

Negli insaccati come il salame cotto e il salame crudo, il gin viene messo all'interno dell'impasto.

Negli stagionati come il lonzino o la nocetta, il gin viene utilizzato all'inizio della lavorazione, quindi durante la salatura e l'aromatizzazione. Questi tagli di carne vengono massaggiati con il BUGIN per due cicli che durano quindici giorni, al termine dei quali vengono appesi e fatti stagionare.

La coppa viene sempre massaggiata con il gin ma, in seguito, viene insaccata in budello naturale e poi appesa e fatta stagionare per almeno quattro mesi.

Il salame crudo stagiona dai quindici ai trenta giorni. Gli altri salumi stagionano per almeno tre mesi.

BUGIN_04.jpg

Consegne e spedizioni in tutta Italia. Basta un click per ricevere a casa le confezioni BUGIN e i salumi al gin

BUGIN_01.jpg
BUGIN_13.jpg